Grace Kelly, il matrimonio, di Mario Costantino

.

Introduzione

Nel momento del massimo successo professionale, la conoscenza del principe Ranieri porta Grace Kelly ad una svolta fondamentale nella propria vita. Quale naturale seguito di quanto indicato nel precedente articolo, “Grace Kelly, la carriera”, a cui si rimanda per le caratteristiche generali del tema e le notizie biografiche, la presente esposizione intende approfondire, unitamente all’esame degli aspetti del periodo del matrimonio,  gli orientamenti e le scelte affettive.

.

Grace Kelly

Grace Kelly è nata a Filadelfia (U.S.A.) il 12.11.1929 e, come già indicato nell’articolo “Grace Kelly, la carriera”, si propone la figura stilata per un’ora rettificata delle 5,20 di fuso (ore 10,20 T.U.).

 LatitudinideclinazioniDHvisibilità
     
Sole-17.634.77
Luna-4.08-07.022.70
Saturno+0.85-22.592.33-27.60 (v.)
Giove+0.81+21.703.18
Marte-0.21-19.384.35-24.86 (v.)
Venere+1.53-09.645.61-20.52 (v.)
Mercurio+1.02-14.075.42-09.10 (n.v.)
Tyche1.47
Daimon1.47

.

Modo d’indagine della trattazione sulle unioni

L’indagine sulle unioni che qui si propone si riferisce in larga parte a quanto indicato da Tolemeo e Doroteo. Tolemeo [1] nell’argomento del matrimonio trae dei giudizi osservando principalmente la Luna in tema maschile, sia rispetto alla sua rivoluzione sinodica sia rispetto all’orizzonte, ed il Sole in tema femminile, osservando in particolare i pianeti mattutini rispetto al Sole [2]. Doroteo [3] e gli astrologi arabi, per l’uomo e per la donna, osservano primariamente la condizione di Venere e traggono i giudizi principalmente dai signori della triplicità di Venere. In questo rispettando il principio della fazione, dell’hairesis, dove il primo signore della triplicità [4], che risponde al tempo della nascita, diurna o notturna, governa la prima parte della vita, il secondo signore ne governa la seconda parte [5]. Nella pratica, la maggiore efficacia di interpretazione per rispondere ai principali quesiti: la presenza o meno e quando (il presto o il tardi) il matrimonio si realizza, della felicità o meno dell’unione e della sua durata; si ottiene integrando il metodo di Tolemeo con quello di Doroteo e degli arabi. Per questo motivo, osserveremo, sia per l’uomo che per la donna, i luminari, Venere e i signori della triplicità di Venere. Secondariamente, le sorti [6] dei luminari (Tyche e Daimon)  e la sorte delle Nozze e dei Figli..

.

Legami e vita affettiva

Per la vita affettiva ed i legami, la circostanza che Venere, in suo segno, non si è ancora separata dal cardine dell’ascendente, mattutina e visibile, costituisce una forte esigenza di vivere la componente affettiva. Venere in Bilancia all’Ascendente e la Luna in Pesci (segno di Giove) che testimonia dalla quinta Casa l’Ascendente, indicano la straordinaria bellezza fisica, l’amabilità, il fascino e l’eleganza. Vi è anche una passionalità ed esuberanza – date dalla condizione di Venere -, strettamente controllate e filtrate – per la figura di Saturno – in una sua immagine consapevolmente offerta al pubblico, unitamente ad una vivacità ed un nervosismo che agitano interiormente (Mercurio che sorge in segno d’acqua e Marte unito al Sole in Scorpione). Venere forte nel tema e testimoniata da Saturno, la Luna in Pesci nella quinta Casa, il Sole in segno d’acqua, predispongono a flirtare, a poter avere più attrazioni ed interessi affettivi nel corso della vita.

.

Dei figli

Il Mediocielo è il luogo che ci parla dei figli, così la decima Casa, l’undicesima, la quinta e la quarta Casa, così come la Luna, Venere e Giove qualora siano posti nelle Case che indicano i figli o osservino il luogo procreativo, il Mediocielo.

In questa natività la Luna è nella quinta Casa, in segno fecondo; Venere è in Bilancia, è appena sorta e osserva il Mediocielo; Giove, dall’ottava Casa, osserva il Mediocielo: vi sono figli.

Il segno del Leone al Mediocielo non contraddice la presenza di figli – nella tradizione indica un solo figlio – considerate le condizioni appena viste di Venere, della Luna e di Giove, signore della triplicità di fuoco[7] che testimonia il Mediocielo. Inoltre, Mercurio, Sole e Marte, osservano per trigono il Mediocielo e la Luna e confermano la possibilità di poter generare più di un figlio.

Sia per l’epoca del matrimonio che per la nascita dei figli, dovremo trovare il precisarsi di figure di direzione che interessano senz’altro Venere e Luna, ma anche Marte, Mercurio, Sole e Giove.

.

Il matrimonio di Grace Kelly e Ranieri di Monaco

La cerimonia si è svolta in forma privata il 18/4/1956 ed in forma ufficiale e pubblica il 19/4/1956. All’epoca l’evento fece un tale clamore che in tutto il mondo si parlò di “nozze del secolo”; richiamò una grande quantità di giornalisti e fotografi e la cerimonia fu ripresa in mondovisione dalla TV monegasca. Si propone, pertanto, la figura di direzione calcolata per il 19 aprile del 1956 (arco di direzione 28,01) e si chiariscono le figure che si precisano nel periodo.

Nel cerchio interno indichiamo le direzioni nel moto diurno [8], nel cerchio esterno le direzioni nel moto zodiacale [9], da osservare entrambe [10]. Inoltre, la legenda in figura indica i confini [11] a cui sono giunti gli astri:

 ConfiniDeclinazioniDH
    
OroscopoSaturno-18.936.00
MediocieloVenere+08.870.00
SoleVenere-22.355.49
LunaMercurio+07.090.95
SaturnoSaturno-21.223.86
GioveVenere+23.134.72
MarteMercurio-23.035.92
VenereGiove-17.943.55
MercurioGiove-20.754.60
FortunaVenere+17.563.72
DaimonGiove-00.370.29

.

Venere diretta (20°44’ Scorpione) giunge al trigono della Luna di nascita (21°45’ Pesci);

Venere diretta (20°44’ Scorpione) è ancora unita al Sole di nascita (19°34’ Scorpione);

Marte diretto (DH 5,92) giunge all’Ascendente;

Giove diretto (DH 4,72) giunge all’opposizione del Sole di nascita (DH 4,77):

Il Sole diretto (DH 5,49) giunge all’equidistanza di Mercurio di nascita (DH 5,42);

Saturno diretto (DH 3,86) va a perfezionare il trigono al Mediocielo;

Venere diretta (DH 3,55) è ancora in quadrato a Saturno di nascita (DH 2,33);

Il Sole diretto (decl. -22,35) giunge alla declinazione di Saturno di nascita (decl. -22,59);

Venere (decl. -17,94) diretta giunge alla declinazione del Sole di nascita (decl. -17,63);

Tyche (diretta (decl. +17,56) giunge alla declinazione del Sole di nascita (decl. -17,63).

.

La rivoluzione dell’anno

Dopo l’esame dei moti di direzione osserviamo la rivoluzione solare integrata dagli spazi di perfezione (o profezione) del periodo [12]. La rivoluzione è stata calcolata per il luogo di nascita (Filadelfia: lat. 39°57’N; long. 75°10’ W) e il giorno 12.11.1955 alle ore 17,37 di T.U. (ore 12,37 di fuso).

Nell’ambito previsionale, il ciclo delle perfezioni indica i pianeti della rivoluzione che hanno particolari diritti nel periodo e ci aiuta a capire se gli eventi indicati in direzione, con degli aspetti che mantengono un vigore ed un’efficacia per due/tre anni, si realizzeranno proprio in quest’anno ed il modo, la qualità con cui questo avviene.

In ogni rivoluzione solare si osservano sempre gli spazi di perfezione dell’Anno (dell’Ascendente od oroscopo), da cui traiamo i signori dell’Anno) e della Luna. Per l’argomento dei successi professionali osserveremo anche gli spazi di perfezione del Sole e del Mediocielo, limitandoci qui a dei dati evidenti ed essenziali.  Per l’argomento dei legami osserveremo anche lo spazio di perfezione della sorte di Fortuna.

 LatitudinideclinazioniDHvisibilità
     
Sole-17.631.05
Luna-3.88-14.992.64-20.82 (v.)
Saturno+1.95-16.710.69-4.17 (n.v.)
Giove+0.81+12.395.26
Marte+0.92-06.762.98-29.23 (v.)
Venere-0.48-22.170.54-11.45 (v.)
Mercurio+1.49-12.441.89-12.95 (t.e.)
Tyche4.41
Daimon4.41

.

Gli spazi di perfezione

Giove domina insieme a Saturno la perfezione dell’Anno (che va da 14°46’Sagittario a 8°33’ Capricorno); Giove per trigono, Luna e Marte e Mercurio per esagono, si configurano allo spazio di perfezione dell’Anno. Venere e Marte dominano lo spazio di perfezione del Mediocielo. Marte e Luna sono presenti nello spazio, Venere, Giove, la sorte di fortuna e la sorte delle Nozze si configurano allo spazio del Mediocielo. Venere e Mercurio dominano lo spazio di perfezione della Luna. Il Sole, la sorte di Eros e Saturno, si oppongono allo spazio. Venere e Mercurio, per segno, si oppongono allo spazio di perfezione della Luna [13]. Mercurio e Venere dominano lo spazio di perfezione della sorte di Fortuna. Mercurio, Venere, Sole e Saturno per esagono, Tyche per trigono, Daimon, per opposizione, si configurano allo spazio di perfezione della sorte di Fortuna. Saturno domina lo spazio di perfezione del Sole. Saturno, Sole, Eros e Mercurio per esagono, Luna e Marte per quadrato, si configurano allo spazio di perfezione del Sole. Tutti i signori delle perfezioni osservano le rispettive perfezioni e portano a compimento i relativi significati.

.

Aspetti in rivoluzione solare

In rivoluzione Giove è nella settima Casa, in un angolo e in segno della propria triplicità, nella propria hairesis (sopra l’orizzonte in nascita diurna) e forma un quadrato sovreminente al Mediocielo e a Venere che culmina nella figura a 8°18’ di Sagittario (in segno di Giove e in confini di Giove). Inoltre, Giove forma un preciso esagono zodiacale con la Luna ed un esagono nel moto delle ore con il Sole, il quale tiene sotto i suoi raggi Saturno. La Luna con Mercurio è in trigono all’Ascendente, Venere, Sole, Saturno e Giove formano quadrato ed opposizione all’Ascendente. La Luna, nella sua corsa, si separa dall’esagono di Venere, dall’unione di Marte, dal quadrato della sorte di Fortuna e delle Nozze, dall’esagono di Giove ed entra sotto i raggi del Sole applicandosi all’unione di Mercurio ed alla declinazione del Sole. I domini e le testimonianze di Saturno possono qui rappresentare gli obblighi della corte che la costringeranno a sacrificare una certa libertà vissuta prima del matrimonio.

La prevalenza di domini e testimonianze di Venere e Giove, di Sole e Luna, fanno pensare ad un momento positivo e significativo con decisioni importanti che influenzano gli orientamenti di vita. La varietà delle figure può ben rappresentare i molti progetti e i molti eventi: possiamo riferirci alle varie lavorazioni cinematografiche che l’attrice segue e al rapido evolversi della relazione con il principe che culmina ora con l’organizzazione del matrimonio, che si rivelerà un avvenimento importante per la vita sociale e pubblica dell’attrice e che la porta, sotto un’altra veste, ancora sotto i riflettori del mondo intero. Quello che ne segue, però, al di là di un’immagine di facciata, potrebbe non essere stato rispondente alle speranze ed aspettative ideali, soprattutto per quanto può aver riguardato la felicità individuale e nel rapporto matrimoniale. La dominante della nascita e di questo periodo (per le figure di direzione e in rivoluzione solare) di Venere ora conferma la realizzazione dei sogni per la vita amorosa e le gioie familiari che ne seguiranno, anche con la nascita di più figli e in buona salute. Al tempo stesso, la Luna che in rivoluzione va ad oscurarsi mentre ilSole tiene Saturno sotto i suoi raggi, pur con la testimonianza di Giove che, nella benevolenza di quanto ha significato, è vicino al tramonto della figura dell’anno, tutto il complesso della figura, può far presagire un ridimensionamento della “sfera d’azione” di questa straordinaria donna, perlomeno al di fuori dei doveri di corte e del proprio contesto familiare.

.

Rivoluzione e nascita

Rispetto al tema di nascita, la Luna (29°41’ Bilancia) di rivoluzione si  presenta sul grado di Venere di nascita (28°51’ Bilancia)  ed all’esagono di Saturno (28°06’ Sagittario) di nascita. Giove di rivoluzione si presenta all’esagono di Venere (28°51’ Bilancia) di nascita, al trigono di Saturno (28°06’ Sagittario) di nascita, al quadrato di Sole (19°34’ Scorpione) e Marte (25°38’ Scorpione) di nascita. La sorte del Sole, Daimon (21°13’ Pesci) di rivoluzione si presenta sul grado della Luna (21°45’ Pesci) di nascita ed al trigono di Sole (19°34’ Scorpione) e Marte (25°38’ Scorpione) di nascita. Saturno (23°18’ Scorpione) di rivoluzione si presenta sui gradi di Sole (19°34’ Scorpione) e Marte (25°38’ Scorpione) di nascita. Mercurio (6°59’ Scorpione) di rivoluzione ritorna sui propri gradi di nascita (10°42’ Scorpione). Il nodo lunare sud (11°34’ Scorpione) di rivoluzione si presenta su Giove(14°06’Gemelli) di nascita.

Riepilogando quanto riguarda i “protagonisti” dei principali eventi dell’anno, vediamo che:

A) Venere in direzione, dopo essersi unita al Sole, perfeziona ora il trigono alla Luna. In rivoluzione Venere culmina ricevendo la quadratura sovreminente di Giove, signore della perfezione dell’Anno, posto nella settima Casa. La Luna di rivoluzione si presenta precisamente sui gradi di Venere di nascita. Venere in direzione è in quadrato a Saturno. Alla nascita Saturno ha la figura più importante rispetto a Venere. In rivoluzione Venere si presenta in Sagittario, segno in cui vi è Saturno di nascita. Oltre a confortare l’espressione piena di quanto significato da Venere in questa genitura, Saturno qui indica un cambiamento importante che costituisce una forte responsabilizzazione e la rottura con il passato.

B) Giove in direzione giunge all’opposizione del Sole di nascita. In rivoluzione Giove è uno dei signori dell’Anno ed è in quadrato sovreminente a Venere ed al Mediocielo; inoltre, testimonia Sole e LunaSaturno, altro signore dell’Anno. Rispetto alla nascita Giove si presenta all’esagono di Venere di nascita, al trigono di Saturno di nascita ed al quadrato di Sole e Marte di nascita. Conferma che si tratta di una fase di vita di successi, avanzamenti, ma che comporta importanti cambiamenti.

C) Marte in direzione è giunto all’Ascendente. Nella figura dell’anno Marte, dominatore della perfezione del Mediocielo, si presenta, insieme alla Luna, nei gradi dello spazio di perfezione del Mediocielo. Alla nascita Marte indica le caratteristiche del partner, per l’essere sotto i raggi, in prima Casa, nel proprio segno, e delle capacità che rimangono un poco latenti per poi venire fuori in modo forte ed importante. In rivoluzione Marte si presenta sui gradi del Plenilunio precedente la nascita e la sorte delle Attività e il fatto di sorgere nella figura di direzione, rappresenta ora la possibilità di esprimere e mettere a frutto le proprie capacità e poter raggiungere, in una certa misura, qualunque obiettivo ci si propone.

.

Considerazioni

Quest’anno Venere e Giove sono i signori delle perfezioni dell’Anno, della Luna, del Mediocielo e del Sole. Venere è unita al Mediocielo, Giove è in settima Casa e in quadrato a Venere e al Mediocielo, tale circostanza porta a compimento dei risultati importanti per la vita affettiva, il successo, la dignità e la stima (Venere, Luna, Sole e Giove). Anche in quest’anno vi sono figure di Venere e Luna all’Ascendente oltre che di Giove: fase di importante affermazione, riconoscimento alle proprie doti, capacità e qualità personali in cui si inserisce e prevale il ruolo e l’importanza di un uomo di potere qui rappresentato da Giove (per i domini e testimonianze e per l’essere in settima Casa).

.

_____________________________________________________________

Note

[1] Claudio Tolemeo: Tetrabiblos, IV libro, 5° capitolo “il matrimonio”.

[2] Si pone il Sole all’oroscopo e la sua ascensione obliqua sarà l’ascensione obliqua dell’asse orizzontale; ad essa sottrarremo 90° per ottenere l’ascensione retta dell’asse verticale. Quindi, sistemeremo i pianeti nei quattro quadranti così determinati secondo le loro ascensioni oblique o discensioni oblique.

[3] Doroteo di Sidone fu un astrologo del I secolo d.C. il cui poema astrologico “Carmen Astrologicum” ebbe grande importanza nell’astrologia di lingua greca, araba e nel medioevo latino.

[4] Signori della triplicità/trigonocratori: nel giorno/nella notte

Triplicità di fuoco  Ariete, Leone, Sagittario Sole  Giove

Triplicità di terra Toro, Vergine, Capricorno Venere Luna

Triplicità di aria Gemelli, Bilancia, Acquario Saturno Mercurio

Triplicità di acqua Cancro, Scorpione, Pesci Venere Marte

[5] Più precisamente Doroteo di Sidone e gli arabi assumevano tre signori del Trigono o trigonocratori e suddividevano i tempi della vita e del matrimonio in tre parti. Nell’esperienza fatta finora, con l’intento di cogliere dati essenziali e certi, è pienamente efficace l’osservazione di due soli trigonocratori.

[6] Per questa e per le altre sorti indicate nell’articolo ci riferiamo al sistema di calcolo successivo a quello adottato da Placido Titi e da Adriano Negusanzio. Qualche anno dopo la morte di Placido, nella ristampa della Coelestis Philosophia del 1675, Francesco Brunacci e Francesco Maria Onorati propongono un metodo di calcolo che mantiene la stessa struttura del calcolo del Placido ma viene svolto interamente sull’equatore operando con l’ascensione obliqua dell’oroscopo e con le ascensioni miste (am) dei luminari, ovvero con le aoch nell’emisfero ascendente e con le doch in quello discendente, in modo da ottenere l’ascensione mista della sorte. Sulle argomentazioni teoriche e le modalità del calcolo, si segnala, per l’estremo interesse ed il carattere di assoluta novità, l’articolo appena pubblicato all’interno del sito www.cieloeterra.it dell’associazione Cielo e Terra “La sorte oraria, il vero oroscopo lunare”, di Marco Fumagalli, che amplia con recenti importanti riflessioni quanto già indicato nell’altro suo articolo “il calcolo delle sorti secondo Placido Titi” (pubblicato su Linguaggio Astrale n. 103 di giugno 1996).

[7] Vedi nota 4.

[8] La direzione nel mondo è quando un astro si muove nel suo moto diurno, però, muovendosi nel suo moto diurno resta fermo nel suo grado zodiacale, allora la sua virtù rimane impressa in questo grado zodiacale.

[9] La direzione nello zodiaco è quando un astro rimane fisso nella sua posizione nel mondo e tutti i gradi dello zodiaco salgono a lui. Allora, dire che un astro rimane fisso nella sua posizione nel mondo, ad esempio in decima Casa,  è dire che la sua virtù nel mondo permane e non si muove, e tutti i gradi dello zodiaco salgono indicando i cambiamenti e il mutare delle cose.

[10] Per il modo del calcolo dei moti di direzione, data la difficoltà di reperire testi di contemporanei sull’argomento, si indica l’opera di recente pubblicazione: “I moti del cielo”, di Marco Fumagalli, recensita nel sito www.cieloeterra.it, la cui vendita è curata dalla cooperativa Colibrì di Milano a cui può essere richiesta tramite la seguente casella di posta elettronica: colibri2000@libero.it.

[11] È la prima delle due dignità minori e consiste nella divisione di ciascun segno zodiacale in cinque settori di ampiezza variabile, ognuno dei quali viene assegnato ad uno dei cinque pianeti, esclusi i due luminari. I sistemi di divisione dei segni in confini riportati nell’astrologia classica sono tre: un sistema caldeo, uno egizio (a cui ci si riferisce nell’articolo) ed uno tolemaico. Il criterio di attribuzione dei confini sembra essere in relazione, come dice lo stesso Tolemeo, con i tempi ascensionali dei segni, ma sicuramente è stato successivamente corretto in base all’esperienza. Il confine ha molta forza ma il suo effetto è limitato nel tempo e riguarda i mutamenti brevi. È  detto anche “termine” (spiegazione contenuta nel glossario del sito www.cieloeterra.it).

[12] Si intende dire che può proporsi un giudizio compiuto con le tecniche esposte. Altre osservazioni: esame delle principali sorticaldee, della natura delle stelle fisse, dei cronocratori (signori dei confini o divisori),  integrano ed arricchiscono le informazioni complessive, che non costituiscono l’oggetto di questo lavoro e consentono di qualificare meglio  periodi della vita favorevoli o “critici” e la natura degli eventi.

[13] La testimonianza agli spazi di perfezione è costituito dal configurarsi dei pianeti, del Sole e della Luna,  al segno o ai segni di perfezione, non per gradi ma per segno; quindi, valuteremo se il pianeta è posto in un segno che si trova in esagono, quadrato, trigono, opposizione o nei  segni della perfezione considerata.