La forza nella vita di Franca Rame, di Mario Costantino

dd666642ac-franca_rame

.

Introduzione

Si trae spunto dalla recente dipartita di Dario Fo per parlare di due persone fuori dal comune che, dalle loro difficoltà hanno avuto una grande capacità di trarre energie per mettere in campo iniziative importanti, nella professione e nella vita, ma anche di fornire l’esempio di coppia che esprime più di quanto, probabilmente, avrebbero espresso le singole individualità. Parlando dell’unione sentimentale e professionale di Franca Rame e Dario Fo, qualcuno ha usato l’affermazione che il loro è stato “un legame lungo una vita”, ad intendere la forza di una continua e intensa collaborazione e condivisione, di idee e di iniziative, che ha prodotto risultati importanti.

.

Cosa vedremo

Riferendoci al nostro campo di indagine, approfondiremo alcuni aspetti del tema di nascita e le figure e gli aspetti di alcuni momenti significativi, tra cui l’epoca dell’aggressione subita da Franca Rame il 9 marzo del 1973. I mandanti di questa terribile vicenda non sono mai stati individuati, anche se al riguardo furono fatte ipotesi che rimandano, quali esecutori materiali, ad alcuni elementi della destra estrema “armati” da Carabinieri e servizi segreti. Il relativo procedimento penale si concluse solo nel febbraio 1998 comportando la prewscrizione del reato.

 .

Cenni biografici

Nata a Villastanza, frazione di Parabiago, in una famiglia con antiche tradizioni teatrali, maggiormente legate al teatro dei burattini e delle marionette, risalenti al 1600, è stata figlia d’arte: il padre Domenico Rame era un attore e la madre Emilia Baldini fu prima maestra, poi attrice. Anche il 1254916194fratello Enrico (1916 – 1986) intraprese la carriera di attore. Esordì nel mondo dello spettacolo appena nata: fu subito impiegata, infatti, per i ruoli da infante nelle commedie allestite dalla compagnia di giro familiare. Nel 1950, assieme a una delle sorelle, decise di prodursi nella rivista: nella stagione 195051 venne infatti scritturata nella compagnia primaria di prosa di Tino Scotti per lo spettacolo “Ghe pensi mi” di Marcello Marchesi, in scena al Teatro Olimpia di Milano.

Il 24 giugno 1954 sposò l’attore Dario Fo a Milano nella basilica di Sant’Ambrogio. Dall’unione il 31 marzo 1955 nacque a Roma il figlio Jacopo. Nel 1958, insieme con il marito, fondò la Compagnia Dario Fo-Franca Rame (Fo è il regista e il drammaturgo del gruppo, Franca Rame la prima attrice e l’amministratrice) che, negli anni seguenti, avrebbe ottenuto grandissimo successo commerciale nel circuito dei teatri cittadini istituzionali.

Presenta, insieme con Dario Fo, l’edizione del 1962 di Canzonissima. La RAI sottrasse la conduzione del programma a Dario Fo e Franca Rame dopo le prime sei puntate; vennero poi sostituiti da Sandra Mondaini e Tino Buazzelli. La pietra dello scandalo: uno sketch su un costruttore edile che si rifiutava di dotare di misure di sicurezza la propria azienda. La satira, sebbene espressa con battute semplici e ironiche, fece emergere con evidenza la drammaticità delle condizioni lavorative nell’edilizia (e, per estensione, in altri settori di manovalanza, allora gran parte della forza lavoro italiana) provocando proteste e polemiche. A seguito di interrogazioni parlamentari e di accesi dibattiti sulla stampa dell’epoca, Fo e Rame furono costretti a lasciare la trasmissione.

Nel 1968, sempre al fianco di Dario, abbracciò l’utopia sessantottina, uscì dal circuito dell’ETI, fondò il collettivo Nuova Scena dal quale, dopo aver assunto 1960_02la direzione di uno dei tre gruppi in cui era diviso per rispondere alla domanda del pubblico, si separò per divergenze politico-ideologiche assieme al marito: ciò avrebbe portato alla nascita di un altro gruppo di lavoro, detto La Comune (impegnato come Nuova Scena nei circoli Arci e nei luoghi fino ad allora non deputati per lo spettacolo dal vivo come, fra gli altri, le case del popolo, le fabbriche e le scuole occupate), con cui interpretò spettacoli di satira e di controinformazione politica anche molto feroci. Si ricordano almeno “Morte accidentale di un anarchico” e “Non si paga, Non si paga”.

Insieme con il marito Dario Fo sostenne l’organizzazione Soccorso Rosso Militante tramite la quale, fra l’altro, si schierò in difesa di Achille Lollo, anche mediante una lettera aperta al presidente della Repubblica Giovanni Leone. Lollo era, al momento dell’intervento in suo favore da parte di Franca Rame, accusato dell’omicidio dei fratelli Mattei nel rogo di Primavalle; a quell’epoca, un’abile campagna di disinformazione e depistaggio orchestrata franca rame e dario fo in pausa x uno spettacolo - Fotografo: rcs romada Potere Operaio aveva convinto parte dell’opinione pubblica (fra cui vari intellettuali e politici di sinistra) dell’innocenza di Lollo; costui, nella sentenza di primo grado, emessa nel 1975, fu assolto per insufficienza di prove, ma la sua colpevolezza, per incendio doloso e omicidio preterintenzionale, fu poi riconosciuta (assieme a quella dei coimputati Marino Clavo e Manlio Grillo) nella sentenza d’appello, emanata nel 1986 e confermata definitivamente dalla Cassazione, e fu in seguito ammessa dagli stessi Grillo e Lollo ormai latitanti all’estero.

A partire dalla fine degli anni settanta Rame partecipò al movimento femminista: cominciò a interpretare testi di propria composizione come Tutta casa, letto e chiesaGrasso è bello!La madre. Nel 1971 sottoscrisse la lettera aperta pubblicata sul settimanale L’Espressosul caso Pinelli.

Il 9 marzo 1973 Franca Rame fu costretta a salire su un furgoncino da cinque uomini appartenenti all’area dell’estrema destra, dai quali fu poi stuprata a turno e malmenata. La vicenda fu ricordata a dis
tanza di tempo nell’opera “Lo stupro”, del 1981, parte dello spettacolo “Tutta casa, letto e chiesa”. Il procedimento penale si concluse solo nel febbraio 1998, comportando la prescrizione del reato. L’esponente dell’estrema destra milanese Biagio Pitarresi, confermando quanto detto nel 1988 dal neofascista e criminale comune Angelo Izzo, ha dichiarato in quell’anno che lo stupro fu “ispirato” da alcuni ufficiali della Divisione Pastrengo 1957_03dei Carabinieri e citò alcuni nomi degli stupratori: Angelo Angeli, “un certo Muller” e “un certo Patrizio”, neofascisti coinvolti nel traffico d’armi, che agivano come agenti provocatori negli ambienti di sinistra e come informatori dei carabinieri.

Il generale dei Carabinieri Nicolò Bozzo, riguardo a questa vicenda, affermò che “un crimine del genere non nasce a livello locale“, suggerendo dunque che dietro l’avvenimento ci fosse “una volontà molto superiore” rispetto a quella dell’allora comandante della Pastrengo, Giovanni Battista Palumbo (iscritto alla P2). Bozzo ha inoltre confermato che la notizia dello stupro fu accolta con “manifestazioni di contentezza“.Durante l’inchiesta sulla strage di Bologna venne trovato un appunto dell’ex dirigente dei Servizi Gianadelio Maletti, che raccontava di un violento litigio tra due generali: Giovanni Battista Palumbo e Vito Miceli (futuro capo del Servizio Informazioni Difesa e coinvolto nell’eversione nera, poi deputato del Movimento Sociale Italiano).
Palumbo stesso, si leggeva nella nota di Maletti, durante la lite aveva rimproverato al secondo “l’azione contro Franca Rame”.

downloadNel 1999 Franca Rame ricevette la laurea honoris causa da parte dell’Università di Wolverhampton insieme con Dario Fo. Nelle elezioni politiche del 2006 si candidò capolista al Senato in Piemonte,LombardiaVenetoEmilia-RomagnaToscana e Umbria tra le file dell’Italia dei Valori. Venne eletta senatrice in Piemonte. Sempre nel 2006Antonio Di Pietro la propose come Presidente della Repubblica: raccolse ventiquattro voti.

Lasciò il Senato nel 2008, dichiarando che le «istituzioni mi sono sembrate impermeabili e refrattarie a ogni sguardo, proposta e sollecitazione esterna, cioè non proveniente da chi è espressione organica di un partito o di un gruppo di interesse organizzato». Nel 2009 scrisse assieme al marito Dario Fo la sua autobiografia intitolata “Una vita all’improvvisa”. Tra dicembre 2011 e marzo 2012 con il marito riportò in scena Mistero buffo in una serie di spettacoli nel nord Italia.

Il 19 aprile 2012 venne colpita da un ictus e ricoverata d’urgenza al policlinico di Milano. È morta il 29 maggio 2013, nella sua abitazione di Porta Romana a Milano, all’età di 83 anni. È sepolta nel Famedio del Cimitero Monumentale di Milano a fianco al suo carissimo amico Enzo Jannacci. (https://it.wikipedia.org/wiki/Franca_Rame)

La Sizigia precedente la nascita

Per la rettifica dell’ora di riferimento ricerchiamo, come di consueto, i dominatori della Sizigia [1] che precede la nascita, il novilunio del 6/7/1929, per le ore 20:47 di T.U., che si realizza al grado 14°15’ Cancro. Possiamo osservare che i pianeti in sizigia tra cui scegliere sono Giove (Esaltazione [2]), Venere (Triplicità [3]) e Mercurio (Confine [4]). Sarà importante verificare se e come muta la condizione dei dominatori per il momento della nascita.

.

franca-rame-sizigia-gif

latitudinideclinazioniDH [5]visibilità [6]
    
Sole+22.693.72
Luna+4.15+26.814.13
Saturno+1.18-22.211.86
Giove-0.76+20.460.15-17.92 (v.)
Marte+1.09+11.985.3517.16 (v.)
Venere-3.14+16.830.67-18.58 (v.)
Mercurio-2.41+20.871.56-11.09 (l.e.)
Tyche5.59
Daimon5.59

.

In questa Sizigia il Sole è in Cancro; Venere è prossima al suo ventre del periodo (lat. -3,14 [7]), è unita  a Giove, è visibile, non si è ancora separata (con Giove) dal Fondocielo ed è in esagono (con Giove) al Novilunio; Marte è occidentale ed è in settima Casa; Mercurio è alla sua levata eliaca mattutina [8], è in Casa angolare, è unito per declinazione alla Luna, è in quadrato a Marte ed è opposto a Saturno.

Saturno domina (Domicilio) e si configura all’Ascendente; Mercurio domina (Triplicità notturna) e si configura all’Ascendente; Giove domina (Confine) e si configura, con Venere, all’Ascendente.

La Luna è al suo picco di declinazione (decl. +26,81) ed è prossima al ventre settentrionale (lat. +4,15). Marte si oppone all’Ascendente ed è in trigono (negli elementi di Terra e Fuoco) con Saturno. In questa figura tramonta l’asino boreale (natura Marte/Sole) e lungo l’asse del meridiano vi sono stelle di natura violenta (Antares, Aldebaran e le Iadi), pertanto, è una sizigia che, in genetliaca,contiene i segni di possibili “sconvolgimenti” nella vita e di “occasioni violente” (nell’astrologia cattolica è una sizigia che preannuncia il verificarsi di terremoti, cataclismi, calamità naturali). Il signore dell’Ascendente in decima Casa, Mercurio in levata eliaca, il signore del Mediocielo, Giove, che osserva il culmine, prefigurano un’ambizione, un’operosità e un’attività professionale importante di chi nasce nei giorni successivi con il riproporsi di questi o simili aspetti.

.

Le porte del nascere: rettifica dell’ora

Per quanto concerne l’ora di nascita i dati anagrafici indicano una nascita per le ore 12,25 di fuso (ore 11,25 di T.U.). L’indagine delle varie porte del nascere (isaritmie [9]) dei dominatori della Sizigia, Giove, Venere e Mercurio, è stata fatta dalle ore 12,00 alle ore 13,00 di fuso. L’ora dichiarata costituisce un’apertura dei pianeti Giove e Marte rispetto al cardine dell’Ascendente (e di Saturno con il cardine del Mediocielo), pertanto, dalla verifica di alcune date significative, si è ritenuto di dover mantenere la nascita per le ore 12,25 di fuso(ore 11,25 di T.U.).

 .

Il tema di nascita

Si propone, pertanto, il tema di nascita redatto per il giorno 18/7/1929 alle ore 12,25 di fuso (ore 11,25 di T.U.).

.

franca-rame-nascita-gif

latitudinideclinazioniDH visibilità
    
Sole+21.080.06
Luna-2,52-25.501.94
Saturno+1.15-22.211.65
Giove-0.76+20.852.67
Marte+0.97+09.292.67-15.65 (v.)
Venere-2.87+19.222.53-20.79 (v.)
Mercurio+0.07+23.040.72-10.36 (l.e.)
Tyche4.01
Daimon4.01

.

Per il momento della nascita sorge la Bilancia e la stella benefica Spica (natura Venere/Mercurio): al sorgere della figura “reca soccorso”, protegge la vita ed il corpo fisico e denota nel carattere una grande fede nei propri ideali. Il Sole culmina in Cancro con la stella Pollux (di natura Marte): conferisce all’animo un’animosità e un’audacia temeraria. Mercurio è in levata eliaca (come in Sizigia), è unito a Mebsuta (natura Saturno) ed è in nona Casa. Tyche e Daimon [10] si configurano al Sole ed al culmine: gli scritti, la parola e la recitazione sono i fondamentali strumenti dell’espressione dei propri ideali. 

La figura di nascita di Eros e della Vittoria opposti all’Audacia [11], può rappresentare un significato di violenza (che potrebbe essere subita) a cui la persona si espone. Saturno è unito alla Luna e a Basis [12] a cui si oppone la Malattia [13]: circostanze o avvenimenti che, per una donna, possono adombrare, oscurare, aspetti della propria femminilità – fisica e ideale -.  Giove, Venere e Marte sono in quadrato tra di loro. Marte è in trigono mondano a Saturno. Per quanto detto prima, questo comporta una visione radicale nel modo di “leggere” gli avvenimenti della vita e sociali e può spiegare l’esigenza di “una lotta al regime” (allo status quo). Per comprendere la natura di alcuni degli avvenimenti della sua vita, notiamo che la Luna, nel suo movimento, si separa dall’unione di Basis e dal trigono di Marte e si applica all’opposizione della Malattia e all’unione di Saturno retrogrado (in questo tema si realizza una forma di accerchiamento dei malefici alla Luna – corpo fisico –). Alle figure descritte concorrono varie stelle di natura malefica: Zosma per Marte; le stelle della coda dello Scorpione per la Luna e per Saturno; Aldebaran per Giove e Venere; Mebsuta per Mercurio; Pollux per il Sole ed il Mediocielo.

Il temperamento, la dimensione affettiva, le qualità dell’animo

Del temperamento, possiamo indicare una dimensione privata, fatta di dolcezza e di una ricerca di armonia in cui, però, si cela anche una difficoltà di esprimere un’intimità piena con gli altri. La persona ha una forte esigenza affettiva e ricerca una realizzazione in questo ambito: per la vicinanza di declinazione tra Venere, Giove ed il Sole; per l’unione di Giove con Venere; per la presenza di Mercurio mattutino ed in levata eliaca – partner mercuriale -; per il sorgere della Bilancia. Nel contempo, il modello familiare e la dimensione maschile al suo interno, conferisce una forte ambizione e la necessità di ricercare e di vivere una dimensione professionale, pubblica e sociale in cui poter esprimere la grande animosità, la forza mentale, la dialettica pungente.

Per quanto concerne i significatori dell’animo, Luna e Mercurio, vi è una unione per declinazione in cui la Luna “riceve” [14] Mercurio ed il Sole in Cancro, si separa da Marte e si applica all’unione di Saturno. Mercurio è unito per declinazione al Sole, è in levata eliaca ed è in prossimità del culmine. Il Sole culmina; Mercurio, Giove (signore, con la Luna, del Mediocielo) e Venere sono uniti per declinazione al Sole; Tyche e Daimon osservano il Sole ed il culmine. Questa condizione spinge il soggetto ad un’affermazione nell’ambito professionale e sociale ma con la particolare attenzione alla dimensione femminile che interiormente viene vissuta come mortificata e sacrificata tanto da richiedere, in campo sociale, un riscatto ed un’azione energica di rivalsa e di recupero.

Dal punto di vista neurologico, la debole figura di declinazione tra la Luna e Mercurio e le testimonianze di Marte (sangue e vasi sanguigni) e di Saturno alla Luna, possono predisporre a fenomeni improvvisi ed acuti, ma anche blocchi ed ostruzioni, nelle figure che nel tempo si precisano tra Marte peregrino (da cui la Luna si separa alla nascita) e la Luna e Saturno.

.

Dei tempi futuri

Proseguiamo l’indagine, soffermandoci su alcuni momenti significativi della vita di Franca Rame attraverso l’osservazione di quanto accade per il procedere delle direzioni, delle perfezioni e delle rivoluzioni solari.

.

Il matrimonio di Franca Rame e Dario Fo

Franca Rame e Dario Fo coronano la loro relazione affettiva, che è anche un sodalizio professionale, con il matrimonio che si svolge il 24 giugno 1954 a Milano nella basilica di Sant’Ambrogio.

Per il movimento di direzione primaria [15] (figura redatta per il 24/6/1954 – arco di direzione 24.32 -), osserviamo il precisarsi di vari aspetti: il Sole giunge al trigono della Luna; Mercurio giunge al trigono dell’Ascendente; Mercurio si unisce per declinazione a Venere; Giove giunge all’esagono del Sole e del Mediocielo; Basis giunge al trigono del Mediocielo; la Luna giunge al quadrato di Marte; Mercurio si oppone alla Luna e la Luna si oppone a Mercurio; Tyche giunge al trigono della Luna e al quadrato di Giove; Giove si unisce a Daimon ed è in esagono a Tyche; Tyche si oppone a Marte.

Nel cerchio interno indichiamo le direzioni nel moto diurno, nel cerchio esterno le direzioni nel moto zodiacale, da osservare entrambe [16]. Inoltre, la legenda in figura indica i confini [17] a cui sono giunti gli astri.

.

franca-rame-direz-1954-gif

ConfiniDeclinazioniDH
OroscopoVenere-14.196.00
MediocieloMercurio+15.410.00
SoleMercurio+15.101.23
LunaGiove-22.893.16
SaturnoVenere-22.292.92
GioveSaturno+23.453.97
MarteSaturno-00.211.20
VenereMarte+23.443.85
MercurioGiove+19.061.98
FortunaMercurio2.78
DaimonGiove5.30

.

il Sole diretto (19°07’ Leone) giunge al trigono della Luna di nascita (18°59’ Sagittario);

Mercurio diretto (DH1.98) giunge al trigono dell’Ascendente;

Mercurio diretto (decl. +19,06) si unisce per declinazione a Venere di nascita (decl. +19,22);

Giove diretto (DH 3.97) giunge all’esagono del Sole di nascita (DH 0.06) e del Mediocielo;

la Sorte di Base diretta (DH 4.19) è giunta al trigono del Mediocielo;

la Luna diretta (DH 3.16) è ancora in quadrato a Marte di nascita (DH 2.67);

Mercurio diretto (DH 1.98) si oppone alla Luna di nascita (DH 1.94);

la Luna diretta (12°11’ Capricorno) è tuttora opposta a Mercurio di nascita (11°20’ Cancro);

Giove diretto (DH 4.06) si unisce a Daimon ed è in esagono a Tyche di nascita (DH 4.01);

Mercurio diretto (DH 1.98) giunge al quadrato di Tyche di nascita (DH 4.01);

Tyche diretta (17°15’ Ariete) giunge al trigono della Luna di nascita (18°59’ Sagittario);

Tyche diretta (DH 2.78) giunge al quadrato di Giove di nascita (DH 2.67);

Tyche diretta (DH 2.78) si oppone a Marte di nascita (DH 2.67);

la Sorte del Furto [18] diretta (DH 0.07) è equidistante al Sole di nascita (DH 0.06).

Inoltre, osserviamo che la stella Alphard diretta si unisce al Sole di nascita; Haedus diretta si unisce a Giove e a Venere di nascita;  Aldebaran diretta si unisce a Daimon di nascita; Sheratan diretta tramonta.

Considerazioni

Dall’esame dei Signori dei Confini, osserviamo che nel periodo mutano i Divisori [19] del Mediocielo, di Marte e di Daimon, nel momento in cui Giove precisa una figura al Sole ed al Mediocielo, si unisce a Daimon ed è in esagono a Tyche. La figura che tradizionalmente può contrassegnare l’epoca del matrimonio è il trigono tra il Sole e la Luna;  inoltre, poiché in questo tema Mercurio è il pianeta mattutino e in levata eliaca, primo indicatore del partner in figura femminile, anche il suo giungere al trigono dell’Ascendente è un aspetto significativo delle nozze.

In direzione vi è il quadrato Luna/Marte e la reciproca opposizione Luna/Mercurio; in rivoluzione, come vedremo, la Luna è nuovamente unita a Saturno – ora nella sua Esaltazione -, Marte e Mercurio sono sotto i raggi, Marte è in quadrato alla Luna e a Saturno, Mercurio è retrogrado ed è unito al nodo lunare sud: il complesso di queste figure può indicare che “interiormente” si sia trattato di una decisione difficile che ha generato timori, dubbi e forti ansie e che è stata, per alcuni aspetti, una scelta “di rottura” rispetto alle proprie convinzioni.

La rivoluzione solare dell’anno 1953

Dopo l’esame dei moti di direzione osserviamo la rivoluzione solare integrata dagli spazi di perfezione (o profezione) del periodo [20]. La rivoluzione è stata calcolata per il luogo di nascita e il giorno 18 luglio 1953 alle ore 6,25 di T.U.

In ogni rivoluzione solare si osserva sempre lo spazio di perfezione dell’Anno (dell’Ascendente od oroscopo), da cui traiamo i signori dell’Anno. Osserveremo anche gli spazi di perfezione del Sole, della Luna e del Mediocielo, limitandoci qui a dei dati evidenti ed essenziali.

.

latitudinideclinazioniDH visibilità
    
Sole+21.084.04
Luna-5.02-10.541.74-13.65 (v.)
Saturno+2.48-05.891.30
Giove-0.60+22.101.75
Marte+1.00+22.553.83-3.31 (n.v.)
Venere-2.68+19.511.57-20.73 (v.)
Mercurio-4.32+14.424.95-1.73 (n.v.)
Tyche0.22
Daimon0.22

.

Perfezioni e figure della rivoluzione solare del 1953

Venere e Marte sono i signori della perfezione dell’Anno. Saturno e la Luna si presentano nella perfezione dell’Anno e si configurano alla perfezione della Luna, del Sole e del Mediocielo; Venere in rivoluzione si presenta in decima Casa, è configurata all’Ascendente, è unita a Giove, è unita per declinazione al Sole ed è in trigono alla Luna e a Saturno. Marte è in quadrato alla perfezione dell’Anno. Marte è sotto i raggi del Sole, è unito a Polluce ed è unito al Novilunio. Marte ed il Sole sono in quadrato alla Luna e a Saturno, sono in esagono al Mediocielo e a Daimon, sono in trigono a Tyche e sono in esagono ad Eros/Nemesi/Vittoria [21].

Giove e Saturno dominano la perfezione della Luna. Giove si presenta in decima Casa e si configura all’Ascendente, domina e si configura alle perfezioni perfezioni del Sole e del Mediocielo. Giove é unito a Venere, è in trigono alla Luna e a Saturno ed è in trigono a Basis. Saturno si presenta, con la Luna, nella perfezione dell’Anno  e si configura alle perfezioni della Luna, del Sole e del Mediocielo. Saturno in rivoluzione è occidentale al Sole (orientale alla Luna), in Segno di Esaltazione, è unito alla Luna e alla stella Spica, è in quadrato a Marte ed al Sole e si oppone alla Sorte della Malattia.

Mercurio e Giove dominano la perfezione del Sole e del Mediocielo. Il Sole, Marte, Mercurio ed il nodo lunare sud si presentano nella perfezione del Sole e del Mediocielo e si configurano alla perfezione dell’Anno. Mercurio è invisibile, è retrogrado, è in esagono a Venere, è in quadrato a Saturno ed è in quadrato alla Sorte di Malattia.

La Luna è al suo ventre meridionale (lat. -5,02), è in trigono zodiacale ed in ricezione con Venere (nuovamente unita a Giove, come alla nascita), è in quadrato al Sole ed a Marte, è unita a Saturno e si configura all’Ascendente annuale. Tyche e Daimon sono lungo l’asse del meridiano, Sole e Marte sono in esagono al MediocieloVenere e Giove si presentano in decima Casa.

Rispetto alla nascita, la Luna e Saturno si presentano sul grado dell’Ascendente di nascita. La perfezione della Luna transita i gradi in cui vi sono Luna e Saturno di nascita. Giove e Venere si presentano nei medesimi gradi in cui sono alla nascita e si oppongono alla Luna e a Saturno di nascita.  Il Mediocielo della figura annuale giunge a Daimon ed al nodo lunare di nascita.

Come in direzione, anche nella rivoluzione si producono figure significative tra il Sole, la Luna, Venere, Giove, Tyche e Daimon, tutti indicativi del momento di realizzazione affettiva. Saturno e Marte dominano e sono coinvolti nelle principali figure della rivoluzione annuale e sono forieri del presentarsi di avversità e cambiamenti nei fatti della vita e nelle iniziative.

 .

L’epoca dell’aggressione

Il 9 marzo 1973 Franca Rame fu costretta a salire su un furgoncino da cinque uomini appartenenti all’area dell’estrema destra, dai quali fu poi stuprata a turno e malmenata. La vicenda fu ricordata a distanza di tempo nell’opera Lo stupro”, del 1981, parte dello spettacolo Tutta casa, letto e chiesa”. Il procedimento penale si concluse solo nel febbraio 1998, comportando la prescrizione del reato. L’esponente dell’estrema destra milanese Biagio Pitarresi, confermando quanto detto nel 1988 dal neofascista e criminale comune Angelo Izzo, ha dichiarato in quell’anno che lo stupro fu “ispirato” da alcuni ufficiali della Divisione Pastrengo dei Carabinieri e citò alcuni nomi degli stupratori: Angelo Angeli, “un certo Muller” e “un certo Patrizio”, neofascisti coinvolti nel traffico d’armi, che agivano come agenti provocatori negli ambienti di sinistra e come informatori dei carabinieri.

La figura di direzione è stata redatta per la data in cui si verifica l’aggressione, il  9 marzo del 1973 – arco di direzione 41.63 -. Per il movimento di direzione primaria, osserviamo il precisarsi di vari aspetti: Marte giunge al Sole ed al Mediocielo e in quadrato all’Ascendente; la Luna e Saturno giungono al trigono del Sole e del Mediocielo; il Sole e Tyche giungono al trigono dell’Ascendente e al quadrato di Giove;  Venere e Saturno si oppongono per declinazione; la Luna e Saturno si configurano a Tyche e a Daimon; Tyche giunge all’esagono della Luna; la Malattia giunge a Daimon; Venere ed Eros si configurano all’Audacia; Procyon giunge a Giove e Rigel tramonta.

Nel cerchio interno indichiamo le direzioni nel moto diurno, nel cerchio esterno le direzioni nel moto zodiacale, da osservare entrambe. Inoltre, la legenda in figura indica i confini a cui sono giunti gli astri.

.

franca-rame-direz-1973-gif

ConfiniDeclinazioniDH
OroscopoGiove-18.016.00
MediocieloMercurio/Venere+09.290.00
SoleVenere+08.922.15
LunaMarte-20.284.04
SaturnoMercurio-18.993.83
GioveMercurio+22.574.89
MarteGiove-06.370.16
VenereMercurio+22.234.78
MercurioMercurio+13.892.88
FortunaVenere1.91
DaimonMarte5.64

Marte diretto (DH 0.16) giunge all’unione del Sole di nascita (DH 0.06) ed al Mediocielo;

Marte diretto (DH 0.16) giunge al quadrato dell’Ascendente;

la Luna e Saturno diretti (DH 4,04 e 3.83) giungono al trigono del Sole di nascita (DH 0.06);

la Luna e Saturno diretti (DH 4,04 e 3.83) giungono al trigono del Mediocielo;

il Sole diretto (DH 2.18) giunge al trigono dell’Ascendente;

il Sole diretto (7°04’ Vergine) giunge al quadrato di Giove di nascita (7°40’ Gemelli);

il Mediocielo diretto (decl. +9,29) raggiunge la declinazione di Marte di nascita (DH +9,29);

Venere diretta (decl. +22,23) si oppone per declinazione a Saturno di nascita (decl. -22,21);

Saturno diretto (decl. -18,99) si oppone per  declinazione a Venere di nascita (decl. +19,22);

Giove diretto (15°19’ Cancro) è giunto al grado del Novilunio precedente (14°16’ Cancro);

la Luna e Saturno  diretti (DH 4,04 e 3.83) giungono al trigono di Tyche di nascita (DH 4.01);

la Luna e Saturno diretti (DH 4,04 e 3.83) si oppongono a Daimon di nascita (DH 4.01);

Tyche diretta (DH 1,91) giunge all’esagono della Luna di nascita (DH 1,94);

Tyche diretta (DH 1,91) giunge al trigono dell’Ascendente;

la Sorte della Malattia diretta (DH 4,19) giunge a Daimon e all’esagono di Tyche di nascita;

Venere diretta (DH 4,78) giunge all’unione della Sorte dell’Audacia [22] di nascita (DH 4,66);

la Sorte di Eros diretta (DH 4,67) giunge all’equidistanza della Sorte dell’Audacia di nascita (DH 4,66);

Procyon diretta (DH 2,76) è giunta all’unione di  Giove di nascita (DH 2,67);

Diphda diretta (DH 1,75) è giunta all’unione della Sorte del Furto di nascita (DH 1,74);

Rigel diretta (DH 5,90) è giunta al tramonto della figura di nascita.

Per il moto di entrambi, Procyon diretta (DH 2.76) è unita a Mercurio diretto (DH 2.88); la Sorte della Necessità [23] diretta (DH 2,08) è unita al Sole diretto (DH 2,15).

.

Considerazioni

Dall’esame dei Signori dei Confini, osserviamo che nel periodo mutano i Divisori del Mediocielo e del Sole, nel momento in cui Marte si unisce al Sole ed al Mediocielo: ad indicare avvenimenti che, nel bene e nel male, pongono al centro dell’attenzione pubblica.

Marte alla nascita è con una stella di natura violenta, Zosma. L’unione al Sole, afeta [24] di questa genitura, ed al Mediocielo caratterizza fatti e circostanze che possono costituire un pericolo per la vita e che toccano l’incolumità fisica: per il precisarsi di figure con i malefici di Sole, Luna, Venere, Tyche, l’Ascendente ed Eros con i malefici; ma anche, per il precisarsi di figure di Daimon e della Sorte dell’Audacia: per i valori che si rappresentano e le opinioni che si esprimono.

Per la vita, costituiscono un efficace fattore di protezione il precisarsi, ora, del quadrato del Sole, l’afeta, a Giove (orientale al Sole ed unito a Venere alla nascita); l’unione di Giove al Novilunio precedente e il configurarsi del Sole all’Ascendente.

.

La rivoluzione solare dell’anno 1972

Dopo l’esame dei moti di direzione osserviamo la rivoluzione solare integrata dagli spazi di perfezione (o profezione) del periodo. La rivoluzione è stata calcolata per il luogo di nascita e il giorno 17 luglio 1972 alle ore 20,35 di T.U.

In ogni rivoluzione solare si osserva sempre lo spazio di perfezione dell’Anno (dell’Ascendente od oroscopo), da cui traiamo i signori dell’Anno. Osserveremo anche gli spazi di perfezione del Sole, della Luna e del Mediocielo, limitandoci qui a dei dati evidenti ed essenziali.

.

 franca-rame-riv-solare-1972-gif

latitudinideclinazioniDH visibilità
    
Sole+21.083.91
Luna-5.26-12.754.46
Saturno-1.53+21.170.10-19.81 (v.)
Giove+0.13-23.311.60
Marte+1.18+18.295.22-8.54 (n.v.)
Venere-5.16+17.890.46-17.15 (v.)
Mercurio-1.87+12.935.37-9.07 (n.v.)
Tyche2.37
Daimon2.37

 .

Perfezioni e figure della rivoluzione solare del 1972

Mercurio e Marte [25] sono i signori della perfezione dell’Anno. Mercurio è unito a Marte  ed entrambi si configurano alla perfezione dell’Anno, si presentano nella perfezione della Luna e si oppongono alle perfezioni del Sole e del Mediocielo. Mercurio in rivoluzione è in esagono alla Luna e vi si oppone per declinazione; Mercurio e Marte sono vespertini, sono sotto i raggi del Sole, sono in esagono alla unione Saturno/Venere e sono in trigono a Giove. Giove e Tyche si oppongono alla perfezione dell’Anno. La Luna e si configura alla perfezione della Luna ed alle perfezioni dell’Anno, del Mediocielo  e del Sole.

Marte e Mercurio/Venere [26] dominano la perfezione della Luna. Marte si presenta, con Mercurio e l’asino boreale [27], nella perfezione della Luna, si configura alla   perfezione dell’Anno e si oppone alle perfezioni del Sole e del Mediocielo. Marte in rivoluzione è unito a Mercurio (figura nel mondo), ha la declinazione di Venere, è in aspetto alla Luna, a Venere, a Saturno ed al Mediocielo. Per Mercurio abbiamo già detto sopra. Venere in rivoluzione è mattutina, angolare e visibile. Venere si oppone al Mediocielo (ed è in quadrato all’Ascendente che domina per la triplicità), si separa dalla declinazione di Marte ed è unita a Saturno; nelle ore successive la Luna si oppone per declinazione a Venere e partecipa alla figura: può rappresentare un avvenimento che costituisce un “oscuramento” e uno svilimento, un ”deturpare” quanto è rappresentato da Venere in figura femminile: quindi di ciò che concerne la sensualità, l’affettività, la bellezza ed il corpo fisico.  

Saturno e Giove dominano le perfezioni del Sole e del Mediocielo. Saturno, con Venere, si presenta nella perfezione dell’Anno, è in esagono alla perfezione della Luna ed è in trigono alle perfezioni del Sole e del Mediocielo. Saturno, con Venere, è orientale, è visibile, è angolare, si oppone al Mediocielo e si configura alla Luna, a Marte ed a Mercurio. Giove in rivoluzione è occidentale, acronico [28],  è in decima Casa, è unito a Tyche, ha vicinanza di declinazione al Sole, è in quadrato alla Luna, è in trigono a Mercurio (figura nel mondo) ed è in esagono all’Ascendente.   

La figura principale vista in direzione, dove Marte si unisce al Sole ed al Mediocielo, si ripropone in termini simili nella rivoluzione solare. In rivoluzione Antares, le Iadi ed Aldebaran (stelle marziane e di natura violenta) sono lungo la linea del meridiano ed il Sole vi si configura. Il Sole  è sulla cuspide della sesta Casa (e in trigono al Mediocielo annuale), è unito al nodo lunare sud, alla Nemesi [29], alla stella Alphard e, per declinazione, a Saturno: esprime dei significati analoghi. Marte e Mercurio sono in sesta Casa (la salute fisica e la malattia), sono uniti all’asino boreale e configurati al culmine.

Nella figura annuale gli almuten [30] sono Venere, Giove (per l’angolarità ed i domini) e Saturno (per i domini e l’angolarità).

In rivoluzione la Luna è unita a Spica (stella soccorritrice), è in esagono al Mediocielo, è in quadrato a Giove e a Tyche, è in esagono a Marte e a Mercurio, è in trigono a Saturno ed a Venere e si presenta sul grado dell’Ascendente di nascita. Nel suo movimento in Bilancia, la Luna si separa da Saturno e da Venere, si separa da Marte e si applica al quadrato del Sole e di Giove (con Giove retrogrado). Tyche è unita a Giove ed è in quadrato alla Luna.  L’interessamento del Mediocielo, sia per le figure in direzione che per le figure in rivoluzione solare conferma la grande risonanza pubblica che avrà quanto accade a Franca Rame in questo periodo.

.

Il verificarsi dell’ictus

Il 19 aprile 2012 viene colpita da un ictus e ricoverata d’urgenza al policlinico di Milano. Dopo un lungo periodo di degenza in ospedale torna nella sua casa di Porta Romana a Milano.

La figura di direzione è stata redatta per la data del ricovero, il 19 aprile del 2012 – arco di direzione 76.93 -. Nel cerchio interno indichiamo le direzioni nel moto diurno, nel cerchio esterno le direzioni nel moto zodiacale, da osservare entrambe. Inoltre, la legenda in figura indica i confini a cui sono giunti gli astri.

.

franca-rame-direz-2012-gif

ConfiniDeclinazioniDH
OroscopoMercurio-22.966.00
MediocieloGiove-05.640.00
SoleGiove-05.974.03
LunaVenere-07.885.82
SaturnoGiove-05.645.68
GioveMarte+13.394.72
MarteMercurio-17.051.97
VenereMarte+12.354.89
MercurioSaturno-01.074.71
FortunaMercurio0.13
DaimonGiove/Saturno2.47

.

Marte diretto (DH 1.97) giunge all’opposizione della Luna di nascita (DH 1.94);

Marte diretto (DH 1.97) giunge al trigono dell’Ascendente;

la Luna diretta (DH 5.82) va al quadrato del Sole di nascita (DH 0.06);

l’Ascendente diretto (decl. -22,96) giunge alla declinazione di Saturno di nascita (decl. -22,21);

l’Ascendente diretto (decl. -22,96) ha la declinazione di Mercurio di nascita (decl. +23,04);

l’Ascendente diretto (18°39’ Sagittario) giunge alla Luna di nascita (18°59’ Sagittario);

la Luna diretta (DH 5.82) va all’unione dell’Ascendente;

la Luna diretta (9°51’ Pesci) va al trigono di Mercurio di nascita (11°20’ Cancro);

Daimon diretto (25°42’ Cancro) giunge all’unione del Sole di nascita (25°20’ Cancro);

il Sole diretto (DH 4.03) si unisce a Daimon di nascita (DH 4.01);

il Sole diretto (DH 4.03) giunge all’esagono di  Tyche di nascita (DH 4.01);

Daimon diretto (DH 2.47) giunge all’equidistanza di  Venere di nascita (DH 2.53);

Saturno diretto (15°42’ Pesci) va al quadrato della Luna di nascita (18°59’ Sagittario);

Mercurio diretto (DH 4.71) è unito alla Sorte dell’Audacia di nascita (DH 4.66);

Mercurio diretto (DH 4.71) è in esagono a Mercurio di nascita (DH 0.72);

Saturno diretto (DH 5.68) è in esagono a Saturno di nascita (DH 1.65);

la Sorte di Eros  diretta (DH 2.76) è unita a Marte di nascita (DH 2.67);

la Sorte di Eros diretta (DH 2.76) è equidistante a Giove di nascita (DH 2.67);

Vindemiatrix diretta (DH 0,08) giunge al Sole di nascita (DH 0.06);

Regulus diretta (DH 2,46) giunge a Venere di nascita (DH 2.53).

Per il moto di entrambi, Giove diretto (DH 4.72) è equidistante a Mercurio diretto (DH 4.71); la Luna diretta (DH 5,82) è in quadrato a Tyche diretta (DH 0.13);  Haedus diretta (DH 4.70) è unita a Mercurio diretto (DH 4,71).

.

Considerazioni

Marte che alla nascita è con una stella nociva, ed è il signore della sesta Casa (con Giove), nel periodo precisa l’opposizione alla Luna di nascita e all’Ascendente (significatori del corpo fisico). La Luna va ad unirsi all’Ascendente e l’Ascendente ha già raggiunto il grado eclittico (e la declinazione) della Luna. Inoltre, i vari aspetti di Daimon, del Sole, di Mercurio (significatori del sistema nervoso centrale), di Tyche e di Saturno, devono far temere l’insorgere improvviso di malattie. Non pensiamo a pericoli per la vita poiché le figure più pericolose riguardano la Luna e l’Ascendente, più che il Sole, l’afeta di questa genitura. Come possiamo notare, con gli aspetti dei luminari e dei pianeti vi è sempre anche il concorso di stelle brillanti nocive.

.

Il termine della vita

Dopo un periodo di malattia, Franca Rame muore il 29 maggio 2013 nella sua abitazione di Porta Romana a Milano, all’età di 83 anni.

La figura di direzione è stata redatta per il 29 maggio 2013 – arco di direzione 77.95 -. Per il movimento di direzione primaria sono ancora presenti buona parte degli aspetti visti per il 2012 ma vediamo ora il precisarsi della figura aneretica della Luna e di Saturno ora quadrati al Sole.

Nel cerchio interno indichiamo le direzioni nel moto diurno, nel cerchio esterno le direzioni nel moto zodiacale, da osservare entrambe. Inoltre, la legenda in figura indica i confini a cui sono giunti gli astri.

.

franca-rame-direz-2013-gif

ConfiniDeclinazioniDH
OroscopoMercurio+23.036.00
MediocieloGiove-06.060.00
SoleGiove-06.394.08
LunaVenere-07.405.87
SaturnoMercurio-05.155.73
GioveMarte+12.974.63
MarteMercurio-17.302.03
VenereMarte+11.914.80
MercurioSaturno-01.544.77
FortunaMercurio0.07
DaimonSaturno2.38

.

la Luna e Saturno diretti (DH 5,87 e 5.73) giungono al quadrato del Sole di nascita (DH 0.06);

la Luna e Saturno diretti (DH 5,87 e 5.73) giungono all’Ascendente;

Marte diretto (DH 2.03) è tuttora opposto alla Luna di nascita (DH 1.94);

Marte diretto (DH 2.03) è tuttora in trigono all’Ascendente;

l’Ascendente diretto (decl. -23,03) si oppone per declinazione a Mercurio di nascita (decl. +23,04);

l’Ascendente diretto (19°30’ Sagittario) è giunto alla Luna di nascita (18°59’ Sagittario);

Saturno diretto (16°57’ Pesci) precisa il quadrato con la Luna di nascita (18°59’ Sagittario);

la Luna diretta (11°07’ Pesci) precisa il trigono con Mercurio di nascita (11°20’ Cancro);

la Luna diretta (11°07’ Pesci) precisa il quadrato con Venere di nascita (10°43’ Gemelli);

Daimon diretto (26°50’ Cancro) si separa dall’unione del Sole di nascita (25°20’ Cancro);

il Sole diretto (DH 4.08) è tuttora unito a Daimon di nascita (DH 4.01);

il Sole diretto (DH 4.08) è tuttora in esagono a Tyche di nascita (DH 4.01);

Tyche diretta (DH 0.07) è in quadrato all’Ascendente;

Tyche diretta (DH 0.07) si oppone al Sole di nascita (DH 0.06) ed al Mediocielo;

Giove diretto (25°41’ Leone) giunge al trigono di Saturno di nascita (25°12’ Sagittario);

Giove diretto (DH 4,63) è equidistante alla Sorte dell’Audacia di nascita (DH 4,66);

la Sorte di Eros diretta (DH 2.70) precisa l’unione a Marte di nascita (DH 2.67);

la Sorte di Eros diretta (DH 2.70) precisa l’equidistanza con Giove di nascita (DH 2.67);

Vindemiatrix diretta (DH 0,02) è tuttora unita al Sole di nascita (DH 0,02);

Regulus diretta (DH 2,52) è giunta all’unione di Venere di nascita (DH 2,53);

Algol diretta (DH 5,90) è giunta al tramonto della figura di nascita.

Per il moto di entrambi, Venere diretta (DH 4.80) è unita ad Haedus diretta (DH 4.74) ed è equidistante a Mercurio diretto (DH 4.77).

.

Considerazioni

Dall’esame dei Signori dei Confini, osserviamo che nel periodo mutano i Divisori di Saturno e di Daimon. Saturno, in effetti, ora prende un dominio e precisa il quadrato alla Luna e l’unione all’Ascendente e, con la Luna, realizza il quadrato all’afeta.

Il complesso delle figure indica un organismo provato da quanto subito nei mesi precedenti e un deterioramento progressivo di alcune funzioni. La resistenza dell’organismo viene messa ulteriormente alla prova in quanto, astrologicamente, vediamo il mantenersi della figura di opposizione di Marte alla Luna a cui si aggiunge la figura di quadrato zodiacale di Saturno alla Luna. In termini essenziali, possiamo anche dire che in un periodo in cui la Luna e l’Ascendente sono afflitti da entrambi i malefici si precisa la figura aneretica rispetto al Sole, l’afeta.

.

La rivoluzione solare dell’anno 2012

Dopo l’esame dei moti di direzione osserviamo la rivoluzione solare integrata dagli spazi di perfezione (o profezione) del periodo. La rivoluzione è stata calcolata per il luogo di nascita e il giorno 17 luglio 2012 alle ore 12,36 di T.U.

.

franca-rame-riv-solare-2012-gif

latitudinideclinazioniDH visibilità
    
Sole+21.080.88
Luna-2.73+20.571.99-13.65 (v.)
Saturno+2.48-06.684.93
Giove-0.77+20.823.62-21.93 (v.)
Marte+0.12-02.923.66
Venere-4.61+17.903.34-19.29 (v.)
Mercurio-3.62+13.630.01-4.75 (n.v.)
Tyche4.89
Daimon4.89

.

Perfezioni e figure della rivoluzione solare del 2012

Mercurio e Venere sono i signori della perfezione dell’Anno. Mercurio è in esagono alla perfezione dell’Anno ed è in trigono alla perfezione della Luna. Mercurio è vespertino, è al suo ventre meridionale (lat. -3,62), è invisibile e retrogrado. Mercurio culmina nella figura, è unito agli asini, è in esagono a Marte, a Venere e a Giove ed è in trigono al nodo lunare nord. Venere, con Giove, è in trigono alla perfezione dell’Anno e si oppone alla perfezione della Luna. Venere è mattutina, è al suo ventre meridionale del periodo (lat. -4,61), è visibile, è unita a Giove ed al nodo lunare sud, è in trigono a Marte ed è in trigono (nel mondo) con Tyche e Saturno.

Marte e Giove dominano la perfezione della Luna. Marte si presenta nella perfezione dell’Anno e si configura alla perfezione della Luna e alle perfezioni del Sole e del Mediocielo. Marte in rivoluzione è unito alla Necessità, è in quadrato alla Luna, è in esagono a Mercurio, è in trigono a Venere, a Giove e al nodo sud. Giove è in trigono alla perfezione dell’Anno e si oppone alla perfezione della Luna. Giove in rivoluzione è orientale al Sole, è unito a Venere ed al nodo, è in esagono a Mercurio ed è in trigono a Marte e alla Necessità.

Mercurio e Venere [31] dominano le perfezioni del Sole e del Mediocielo. La Luna ed il Sole si presentano nelle perfezioni del Sole e del Mediocielo. La Luna forma quadrato a Marte (signore dell’Anno) e alla Necessita. Di Mercurio e Venere, i signori della perfezione dell’Anno, abbiamo già indicato i vari aspetti. Il preciso e continuo rimando dei domini delle perfezioni e delle figure che vediamo tra i pianeti dominatori dell’Anno, Mercurio, Venere, Marte, non lasciamo dubbi sul manifestarsi dei pericoli prefigurati negli aspetti che si precisano per i moti primi.

In rivoluzione sorge la Sorte di Nemesi [32]. Tyche e Saturno sono uniti alla stella Spica (natura Venere/Mercurio) e si presentano sul grado dell’Ascendente di nascita. Inoltre, Marte è con Vindemiatrix (stella di natura Saturno/Mercurio che in direzione è giunta al Sole); la Luna è con Propus e Tejat (nei piedi dei Gemelli); Venere e Giove sono con Aldebaran (natura Marte).

Una delle figure di direzione che contrassegnano questo periodo è l’opposizione di Marte alla Luna. In rivoluzione la Luna è in preciso quadrato zodiacale con Marte, dove Marte si presenta (e prende il dominio) nella perfezione dell’Anno e la Luna si presenta (e prende il dominio) nelle perfezioni del Sole (l’afeta) e del Mediocielo.

.

Conclusioni

Si è trattato di un lavoro impegnativo che ha consentito di porre l’attenzione su diversi argomenti tutti di grande importanza e difficoltà di esame. Come spesso succede nella fase interpretativa, lavorandoci sopra, emerge e risulta chiaro, pian piano, il quadro di alcune linee di indirizzo estremamente significative per la vita della persona, mai veramente prevedibile nella fase di approccio all’interpretazione. Come anticipato nell’introduzione, a breve seguirà un’esposizione e l’esame della figura di nascita di Dario Fo e di alcuni momenti significativi della sua vita.

.

______________________________________________________________________

Note

[1] È un incontro tra il Sole e la Luna per congiunzione o per opposizione. Quando la Luna si congiunge al Sole nella sua rivoluzione sinodica si ha il novilunio, o sizigia novilunica; quando invece si oppone al Sole, a metà della sua rivoluzione sinodica, si ha il plenilunio o sizigia plenilunica; se in una sizigia la Luna è sull’eclittica si ha un’eclisse, di Sole se la sizigia è novilunica, di Luna se è plenilunica. Le sizigie hanno grande importanza nella tecnica di correzione dell’ora e nell’astrologia cattolica. 

[2] L’Esaltazione è la seconda dignità in ordine di importanza, il luogo dello zodiaco dove i pianeti mostrano il primo apparire della loro qualità. Gli effetti dell’esaltazioni sono i più repentini ed appariscenti. Saturno ha la propria esaltazione in Bilancia, Giove in Cancro, Marte in Capricorno, Venere in Pesci, Mercurio in Vergine, il Sole in Ariete, la Luna in Toro.

[3] Signori della triplicità/trigonocratori: nel giorno/nella notte

Triplicità di fuoco Ariete, Leone, Sagittario Sole Giove

Triplicità di terra Toro, Vergine, Capricorno Venere Luna

Triplicità di aria Gemelli, Bilancia, Acquario Saturno Mercurio

Triplicità di acqua Cancro, Scorpione, Pesci Venere Marte

Doroteo di Sidone e gli arabi assumevano tre signori del Trigono o trigonocratori: primo trigonocratore, secondo trigonocratore e partecipante; e suddividevano i tempi della vita, del matrimonio e di tutte le questioni, in tre parti. Nell’esperienza fatta finora, con l’intento di cogliere dati essenziali e certi, è pienamente efficace l’osservazione di due soli trigonocratori.

[4] Il confine o termine è la prima delle due dignità minori e consiste nella divisione di ciascun segno zodiacale in cinque settori di ampiezza variabile, ognuno dei quali viene assegnato ad uno dei cinque pianeti, esclusi i due luminari. I sistemi di divisione dei segni in confini riportati nell’astrologia classica sono tre: un sistema caldeo, uno egizio (a cui ci si riferisce nell’articolo) ed uno tolemaico.

[5] La distanza oraria si riferisce alla suddivisione del giorno in 24 ore ed è la misura oraria dell’astro osservato nella sua posizione relativa rispetto alla linea meridiana (asse fondocielo/mediocielo) ed alla linea dell’orizzonte (asse ascendente/discendente). I valori in distanza oraria (DH) indicati nella figura di direzione partono da un valore zero in prossimità del meridiano e determinano i quattro quadranti di sei ore l’uno del cerchio completo, nel seguente modo: dal fondocielo all’ascendente e dal fondocielo al discendente da 0 a 6 ore; dal mediocielo all’ascendente e dal mediocielo al discendente da 0 a 6 ore. Questo significa dire che l’astro situato esattamente sulla cuspide della seconda, dell’undicesima, della nona e della quinta Casa ha un valore di distanza oraria pari a 2 ore (DH 2.00); l’astro situato precisamente sulla cuspide della prima, della dodicesima, dell’ottava e della sesta Casa ha un valore di distanza oraria di 4 ore (DH 4.00), e così via.

[6] In questa colonna viene fornito il dato della visibilità degli astri per il giorno della nascita. Con la sigla v. intendiamo “visibile” o fuori dai raggi del Sole; con la sigla n.v. intendiamo “non visibile” o sotto i raggi (invisibilità e combustione). Con la sigla l.e. indichiamo la “levata eliaca” (che può essere mattutina o vespertina), con t.e. il “tramonto eliaco” (mattutino o vespertino).

[7] I ventri sono i due punti nei quali un pianeta raggiunge la massima distanza in latitudine rispetto all’eclittica. I ventri non hanno valori fissi ma mutano di volta in volta. Per Mercurio, ad esempio, sono 3°52’ australe e 4°44’ boreale. Il ventre indica la quantità e l’in­cre­mento dell’evento significato. Nel corpo fisico indica la quantità delle masse corporee e, più in generale, l’alterazione sia in senso fisico che in senso morale. L’essere nel ventre significa l’alterare velocemente le cose e, per i significatori dell’animo (Mercurio e Luna), un modo variegato degli stati d’animo e delle decisioni.

[8] Si chiarisce che qui viene presa in considerazione la misura, proposta da Schoch, della quantità dell’arco condotto dallo zenith al nadir e passante per i luoghi dell’astro e del Sole, tale da consentire la prima o ultima visibilità dell’astro ad oriente (levante) o ad occidente (tramonto); per Mercurio tali valori vanno da –13.00 -9.50 (se tramonta o sorge mattutino o vespertino); per Venere tali valori vanno da -5.80 a -5.20 (se tramonta o sorge mattutino o vespertino); per Marte tali valori vanno da -14.50 a -13.20 (se tramonta o sorge mattutino o vespertino); per Giove tali valori vanno da -9.00 a -7.50 (se tramonta o sorge mattutino o vespertino); per Saturno tali valori vanno da -13.00 a -10.30 (se tramonta o sorge mattutino o vespertino). Per valori inferiori di segno negativo) il pianeta è invisibile o combusto, per valori superiori (di segno negativo) ma vicini a quelli proposti, vi è la condizione di visibilità e di una maggior forza ed operatività.

Arcus visionis: (a.v.) è l’arco di depressione sotto l’orizzonte, o altezza negativa, che il Sole deve avere perché un corpo celeste che sorge o che tramonta prima o dopo il Sole risulti visibile all’occhio umano. Ciascun corpo celeste, sia esso una stella o un pianeta, ha un diverso arcus visionis che dipende dalla sua magnitudine apparente: maggiore è la luminosità del corpo celeste, minore è il suo arcus visionis, ovvero l’astro può essere visibile all’orizzonte anche con un cielo più chiaro. Per un corretto calcolo dell’arcus visionis occorre considerare la differenza in azimut tra il luogo in cui sorge (o tramonta) l’astro e quello in cui sorge (o tramonta) il Sole.

[9] Nelle 24 ore, del giorno, sono tanti i momenti in cui, secondo “cause precedenti”, che riguardano la “formazione di corpo e spirito”, la nascita dei bimbi è possibile. Secondo questa concezione, le fasi di formazione dell’embrione, dal concepimento alla nascita, devono seguire un ritmo armonico, esprimere un’assonanza che consente il compimento della gestazione. A questa concezione risponde la tecnica che è di Tolemeo e del suo tempo. Seguendo questa tecnica, ricercheremo, nel giorno di nascita, quei momenti in cui è possibile nascere. Si tratta di quelle “aperture delle porte” in cui i pianeti formano rapporti di eguaglianza numerica in virtù dei loro moti, isaritmie (che devono essere considerate secondo il moto orario), rispetto al sorgere o al culminare. Tali momenti possono essere pochi o tanti, ma la nostra scelta deve riguardare solo quei rapporti che si creano tra quel pianeta, che ha un chiaro dominio al tempo della sizigia e che troviamo riconfermato, per diritti, forza, operatività, concordia di hairesis, nel tema di nascita.

[10] Per questa e per le altre sorti indicate nell’articolo ci riferiamo al sistema di calcolo successivo a quello adottato da Placido Titi e da Adriano Negusanzio. Qualche anno dopo la morte di Placido, nella ristampa della Coelestis Philosophia del 1675, Francesco Brunacci e Francesco Maria Onorati propongono un metodo di calcolo che mantiene la stessa struttura del calcolo del Placido ma viene svolto interamente sull’equatore operando con l’ascensione obliqua dell’oroscopo e con le ascensioni miste (am) dei luminari, ovvero con le aoch nell’emisfero ascendente e con le doch in quello discendente, in modo da ottenere l’ascensione mista della sorte. Sulle argomentazioni teoriche e le modalità del calcolo, si segnala l’articolo pubblicato all’interno del sito www.cieloeterra.it dell’associazione Cielo e Terra “La sorte oraria, il vero oroscopo lunare”, di Marco Fumagalli, che amplia quanto già indicato nell’altro suo articolo “il calcolo delle sorti secondo Placido Titi” (pubblicato su Linguaggio Astrale n. 103 di giugno 1996).

La Sorte di Fortuna, Tyche, in ogni genitura può rappresentare il corpo, la vita, le acquisizioni, le sostanze materiali, la convivenza, il matrimonio e quanto viene condiviso nella vita di coppia. In ambito religioso, sono i beni condivisi nella comunità e la comunione con gli altri. Come la Luna, può esprimere qualcosa riguardo la casa, il domicilio, il luogo in cui si vive.

La Sorte del Genio, Daimon, in ogni genitura può rappresentare l’intelletto, l’animo, il comportamento, i desideri profondi e le istanze interiori che indirizzano le scelte importanti della nostra vita.

[11] La Sorte di Eros, sorte di Venere, esprime il personale modo di vivere l’amore, i desideri, le brame; insieme a Basis, riguardo il temperamento ed il fisico, esprime la qualità della vitalità e del vigore fisico.

La Sorte della Vittoria, Nike (sorte di Giove), è il prevalere sui nemici, sono le competizioni e le lotte.

La Sorte dell’Audacia, (Tolma) è la sorte di Marte e reca in sé il significato dell’audacia, della macchinazione, in dati casi della violenza.

[12] La Sorte del Fondamento, Basis, è la sorte che, secondo la tradizione, esprime il fondamento, l’origine, il legame tra corpo e anima. Indica qualcosa riguardo ciò che può costituire il baricentro personale, e che può rappresentare, una volta compreso, il punto fermo, il punto di equilibrio.

[13] La Sorte di Malattia, o del pericolo, indica situazioni che possono costituire un pericolo più o meno grave; in dati casi indica l’occasione violenta, la malattia inseparabile.

[14] Ricezione: è, in un’applicazione, il riconoscimento di natura da parte degli astri che uniscono le loro luci. Avviene in due modi: quando il pulsans è nelle dignità del receptor (Mercurio in Capricorno che si applica a Saturno in Toro) e quando il receptor è nelle dignità del pulsans (la Luna in Vergine che si applica a Saturno in Toro). Perché la ricezione sia efficace gli astri non devono essere indeboliti dalla combustione, dall’esilio, dalla caduta, dalla retrogradazione.

Ricezione mutua: è una ricezione in cui entrambi gli astri sono l’uno nelle dignità dell’altro. Per esempio la Luna che si congiunge a Venere nel segno del Toro, stando la prima nel domicilio di Venere e la seconda nell’esaltazione della Luna.

[15] Il movimento di direzione primaria rappresenta una rotazione della volta celeste, della sfera locale che, partendo dalla posizione iniziale all’istante della nascita, si muove secondo il moto diurno. 

[16] La direzione nel mondo è quando un astro si muove nel suo moto diurno, però, muovendosi nel suo moto diurno resta fermo nel suo grado zodiacale, allora la sua virtù rimane impressa in questo grado zodiacale.

La direzione nello zodiaco è quando un astro rimane fisso nella sua posizione nel mondo e tutti i gradi dello zodiaco salgono a lui. Allora, dire che un astro rimane fisso nella sua posizione nel mondo, ad esempio in decima Casa, è dire che la sua virtù nel mondo permane e non si muove, e tutti i gradi dello zodiaco salgono indicando i cambiamenti e il mutare delle cose.

[17] Si rimanda a quanto indicato in nota 4.

[18] La Sorte del Furto reca in sé il significato di qualcosa che ci viene sottratto, di circostanze che possono essere traumatiche, di situazioni che risultano di una certa gravità e pericolosità.

[19] Signore dei Confini o Divisore di un significatore, per un dato periodo di tempo, è il pianeta che domina i confini del grado eclittico in cui giunge la direzione nello zodiaco del significatore stesso. Il divisore assume un dominio sul significatore per tutto il periodo durante il quale la direzione rimane entro i suoi confini, e condivide questo dominio con il suddivisore. Suddivisore di un significatore per un dato periodo di tempo, è il pianeta che ha ricevuto per ultimo la direzione del significatore, nello zodiaco o nel mondo. Il Suddivisore assume un dominio sul significatore e lo mantiene finché quest’ultimo compie una direzione ad un diverso pianeta (spiegazione contenuta nel glossario del sito www.cieloeterra.it).

[20] Profezione o perfezione di un punto della sfera locale è il suo spostamento, nel senso del moto diurno, attraverso i circoli orari delle 12 case, in modo tale che in 1 anno percorra lo spazio di una casa, e dopo 12 anni ritorni al punto iniziale. Il segno nel quale cade la perfezione prende il nome di “segno di perfezione” e, nel caso che il punto “proferito” sia l’oroscopo (l’ascendente), è detto segno dell’anno (spiegazione contenuta nel glossario del sito cieloeterra.it). Per il calcolo si veda l’articolo di Giuseppe Bezza “La profezione. Come si calcola, come si interpreta.”, pubblicato su Linguaggio Astrale 104, settembre 1996. Si intende dire che può proporsi un giudizio compiuto con le tecniche esposte. Altre osservazioni: esame delle principali sorti caldee, della natura delle stelle fisse, dei cronocratori (signori dei confini o divisori), integrano ed arricchiscono le informazioni complessive, che non costituiscono l’oggetto di questo lavoro e consentono di qualificare meglio periodi della vita favorevoli o “critici” e la natura degli eventi.

[21] La Sorte di Eros, sorte di Venere, esprime il personale modo di vivere l’amore, i desideri, le brame; insieme a Basis, riguardo il temperamento ed il fisico, esprime la qualità della vitalità e del vigore fisico.

La Sorte di Nemesi,  Nemesis, può rappresentare esperienze in cui bisogna confrontarsi con difficoltà impegnative ed affanni; in dati casi, dice qualcosa riguardo la propria rovina e la morte.

La Sorte della Vittoria, Nike (sorte di Giove), è il prevalere sui nemici, sono le competizioni e le lotte.

In rivoluzione, l’unione delle sorti di Eros/Nemesi/Vittoria testimoniate da Marte, possono indicare le battaglie che si intendono portare avanti e che sono condivise nella coppia che si va a formare.

[22] La Sorte dell’Audacia, (Tolma) è la sorte di Marte e reca in sé il significato dell’audacia, della macchinazione, in dati casi della violenza.

[23] La Sorte della Necessità, Ananke, può esprimere le difficoltà che si possono presentare nei legami e nella vita in generale, il destino; in dati casi gli accidenti violenti. 

[24] Il tema di nascita, è un insieme di luci che osserviamo per un momento preciso. Di queste luci ve ne sono alcune che significano la vita, sono “luoghi vitali” o “afetici”.  Da un esame dei diversi elementi vitali si sceglie, si elegge il “luogo vitale” o “afeta” , “hilaj”, “hyleg” che indica la vita, il corpo fisico, l’esistenza della persona; quindi, si calcola il compiersi, il diventare precise, secondo il moto delle direzioni primarie, di figure astronomiche rispetto agli “anereti”, gli elementi del tema di nascita che “interrompono la vita” e misurano il “tempo” della vita fisica.

[25] Quando la perfezione (o profezione) giunge al segno del Cancro o del Leone, si prende come signore dello spazio di perfezione, rispettivamente, il divisore (o confine) della Luna o del Sole di questo periodo. Nel 1972 la Luna è giunta a 29° Capricorno, nei confini di Marte secondo gli egizi, pertanto, signore della della seconda parte della perfezione dell’Anno è Marte (Cancro).

[26] Nel 1972 la Luna è giunta a 29° Capricorno, nei confini di Marte secondo gli egizi, pertanto, signore della prima parte della perfezione della Luna è Marte (Cancro).

Tra il 1972 ed il 1973 (per l’epoca dell’accaduto) il Sole passa da 6° Vergine, confini di Mercurio secondo gli egizi, a 7° Vergine, confini di Venere, pertanto, signori della seconda parte della perfezione della Luna sono Mercurio e Venere (Leone).

[27] Gli Asini (natura Sole/Marte) rientrano negli elenchi delle stelle e degli asterismi ritenuti nocivi per la salute.

[28] Acronico: è l’astro opposto al Sole, che sorge mentre il Sole tramonta, o viceversa (akronyktos).

[29] La Sorte di Nemesi, Nemesis, può rappresentare esperienze in cui bisogna confrontarsi con difficoltà impegnative che insorgono, ansie ed affanni.

[30] Almuten è il termine arabo con cui si indica il pianeta che ha maggiori domini sui principali elementi del tema di nascita. E’ il pianeta che più fortemente caratterizza il destino dell’individuo che nasce.

[31] Nel 2012 la Luna è giunta a 11° Pesci, nei confini di Venere secondo gli egizi, pertanto, signore della seconda parte delle perfezioni di Sole e Mediocielo è Venere (Cancro).

[32] Si rimanda a quanto indicato in nota 28.